Palatul Primaverii, la residenza di Ceausescu a Bucarest

Palatul Primaverii, la residenza di Ceausescu a Bucarest
Palatul Primaverii, la residenza di Ceausescu a Bucarest

Palatul Primaverii. La residenza del dittatore rumeno Nicolae Ceausescu è stata aperta il 14 Marzo 2016 per la prima volta al pubblico, 26 anni dopo la caduta del regime comunista. Nicolae Ceaușescu è stato segretario generale del Partito Comunista Romeno dal 1965, è stato l’ultimo Presidente della Repubblica Socialista di Romania come Presidente del Consiglio di Stato dal 9 dicembre 1967 al 29 aprile 1974 e Presidente dal 29 aprile 1974 al 22 dicembre 1989, anno in cui fu deposto e processato con le accuse di crimini contro lo stato, genocidio e “distruzione dell’economia nazionale”. Il 22 dicembre 1989, con decreto di Ion Iliescu (CFSN), fu istituito il Tribunale Militare Eccezionale. Tre giorni dopo i coniugi Ceaușescu furono giudicati dopo un processo sommario e condannati a morte. La loro esecuzione fu eseguita alcuni minuti dopo la pronuncia della sentenza e rappresentò l’atto finale della rivoluzione rumena del 1989.

Palatul Primaverii fu costruita tra il 1964 e il 1965 su indicazione dei coniugi Ceausescu. La lussuosa abitazione ha 80 stanze decorate con specchi di Murano e mosaici colorati, dispone di una piscina coperta, un cinema, un bunker sotterraneo e ampi giardini.

La decisione del governo rumeno di aprire la villa come museo, segue quella di aver messo in vendita quasi un anno fa la lussuosa residenza perché troppo costosa da gestire per lo Stato.  Gli interni del Palatul Primaverii, eretto a metà degli anni 60 seguendo le precise indicazioni di Ceausescu e della consorte su un lotto di 14mila metri quadrati, divennero famosi presso il grande pubblico dopo la caduta di Ceausescu, quando le immagini dell’arredamento lussuoso, della piscina e dei bagni con rubinetteria d’oro vennero divulgate dalla tv nazionale.

Palatul Primaverii – Video:

Link utili:
Mappa per arrivare alla residenza
Link ufficiale della villa

 

Condividi l'articolo!

Lascia un commento